profilepicture

  Emilia De Biasi 

  Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato 

Info
  • Presidente Commissione Igiene e Sanità del Senato
  • Milano, Italia
  • e-mail : info@emiliadebiasi.it
Seguimi sui Social
Lettera43

Per parlare di politica in generale, di sanità, di cultura e della condizione femminile. Un racconto a modo mio di cosa succede in Senato e dei miei incontri con gli elettori e i cittadini in tutta Italia.

Alzheimer. LEA riconoscano patologia, interventi non solo in famiglia.

Roma, 23 aprile 2014 Da unindagine risulta che le malattie legate allAlzheimer fanno pi paura del cancro. Le persone sono particolarmente spaventate da una patologia che nei prossimi anni vedr un raddoppio dei casi in tutto il mondo e non soltanto a causa dellinvecchiamento della popolazione, infatti lAlzheimer colpisce anche persone al di sotto dei 50 anni. Questo riguarda molto da vicino il nostro Paese, quindi particolarmente urgente un intervento tempestivo da parte del Governo e ci auguriamo che le linee guida in discussione ad un tavolo tecnico ministeriale vengano emanate prima possibile. Sappiamo che vi sono miglioramenti, naturalmente temporanei, ma quantomeno non vi sono regressioni, quanto pi la persona affetta da Alzheimer inserita in un contesto sociale. E molto importante che lintervento non sia esclusivamente allinterno della famiglia ma anche in un centro diurno, in un luogo territoriale in cui il paziente possa ricevere dallesterno uno stimolo continuo che una delle modalit di cura e di sostegno pi importanti oggi. Vi sono gi buone, anzi ottime pratiche nel nostro Paese. Credo che si possa migliorare, tanto vero che chiediamo in modo definitivo che lAlzheimer sia riconosciuto nei LEA (Livelli essenziali di assistenza), che vi sia la possibilit di intervento da parte del Ssn in modo specifico. E necessaria una diagnosi precoce e tempestiva con terapie anche farmacologiche. Non si deve aver vergogna, non si deve avere paura di parlare. Questa una questione che dovrebbe entrare a pieno titolo nel dibattito pubblico. E un tema sensibile perch attraversa la vita delle persone e non per limbarazzo sociale che pu portare. Ogni sforzo economico, progettuale, di sostegno, di solidariet e di intervento attivo pu forse aiutare anche noi a superare la paura dellaltro, nel quale vediamo le miserie pi grandi che temiamo.

torna agli articoli
© 2014 Emilia de Biasi. Tutti i diritti riservati. Sito web curato e realizzato da Mediatyche