profilepicture

  Emilia De Biasi 

  Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato 

Info
  • Presidente Commissione Igiene e Sanità del Senato
  • Milano, Italia
  • e-mail : info@emiliadebiasi.it
Seguimi sui Social
Lettera43

Per parlare di politica in generale, di sanità, di cultura e della condizione femminile. Un racconto a modo mio di cosa succede in Senato e dei miei incontri con gli elettori e i cittadini in tutta Italia.

Fecondazione eterologa. Intervista a De Biasi (PD): "Bene discussione parlamentare ma Lorenzin emani subito linee guida nazionali"

Per il presidente della commissione Igiene e Sanit del Senato, non essendoci un vuoto normativo, sufficiente l'intervento del Ministero della Salute per regolamentare a livello nazionale tutti gli aspetti tecnici della materia garantendo la sicurezza delle coppie. In un secondo momento, il Parlamento potr legiferare su tutte quelle tematiche bioetiche riguardanti l'eterologa. "Serve un atto di coraggio da parte del ministro Lorenzin" 10 SET - "Il tema molto delicato. Stiamo parlando di una malattia: la sterilit. Dobbiamo dare una risposta alle coppie affette da questa patologia e ottemperare alla sentenza della Corte Costituzionale che ha sancito, per loro, il diritto alla genitorialit. Per far questo, non essendoci un vuoto normativo, servono immediatamente delle linee guida nazionali. Il ministro Lorenzin deve avere coraggio e assumersi le proprie responsabilit emandandole. A quel punto il Parlamento, con lo stesso senso di responsabilit, si occuper di legiferare su tutte quelle questioni bioetiche riguardanti i vari aspetti della fecondazione eterologa". Cos la presidente della commissione Igiene e Sanit del Senato, Emilia Grazia De Biasi (PD), ha chiarito la sua posizione a pochi giorni dall'approvazione, da parte della Conferenza delle Regioni, delle direttive per l'introduzione della fecondazione eterologa in Italia. Presidente De Biasi, la discussione riguardante la fecondazione eterologa sembra sembra essersi impantanata nella diatriba tra chi afferma la necessit di una legge nazionale e chi, invece, vorrebbe immediatamente delle linee guida da parte del Ministero della Salute. C' da dire, per, che una strada non sembra escludere l'altra. Lei cosa ne pensa? E' senz'altro necessario un intervento legislativo e il Parlamento si assumer la responsabilit di affrontare tutti quegli aspetti bioetici che potranno sorgere su questo tema: penso, ad esempio, alla fecondazione eterologa per i single, piuttosto che per le coppie gay. Intendiamoci, il mio non un giudizio a favore o contrario, riconosco per che sono tematiche delicate delle quali giusto discuterne insieme in Parlamento prendendosi tutto il tempo per farlo. C' per un altro aspetto da affrontare con maggiore urgenza, ossia mettere in sicurezza le coppie e dare risposta ad una sentenza della Corte Costituzionale. Ecco, tutti questi aspetti tecnici possono e devono essere affrontati con tempestivit, e per farlo sufficiente un regolamento, non serve un passaggio parlamentare. D'altro canto la stessa legge 40 parla di aggiornamento triennale della linee guida. E' il tempo giusto. Quali aspetti potrebbero essere regolamentati in queste linee guida nazionali? Penso a degli standard di sicurezza nazionali, alla possibilit di eseguire l'eterologa in centri pubblici specializzati, alla possibilit di garantire una parit di trattamento economico per le coppie, ma anche allo stesso inserimento dell'eterologa nei Lea che, ricordiamo, dovrebbero essere aggiornati a breve, cos come previsto nel Patto per la salute. E serve un regolamento da parte del Ministero anche per recepire la direttiva UE sull'utilizzo di cellule umane a scopo riproduttivo in modo da non incappare in una procedura di infrazione. Fare tutto questo vorrebbe dire anche scongiurare eventuali problematiche quali il rischio di commercializzazione dei gameti, ad esempio. Quest'ultimo verrebbe meno garantendo la possibilit di realizzare la fecondazione eterologa in centri pubblici che operano alla luce del sole, assieme a quelli privati che dovranno attenersi alle linee guida nazionali. Ripeto, tutto questo realizzabile immediatamente con un semplice regolamento. Su quali altri aspetti si potrebbe intervenire con un regolamento? Servirebbe senz'altro un registro dei donatori. E' giusto che, in questo senso, si preveda un limite di et sia per i donatori che per le stesse madri. Giusto anche ribadire il diritto all'anonimato da parte del donatore. Nei Paesi in cui questo diritto non viene riconosciuto, possiamo dire che l'eterologa praticamente non esiste: un conto la donazione, altro la paternit. E' evidente che il registro potr servire in caso di gravi malattie genetiche della persona nata per risalire al donatore/donatrice. Cosa risponde, invece, a chi parla di un rischio di eugenetica? Dico che uno spettro che viene agitato ogni volta che si parla di procreazione medicalmente assistita. Esistono protocolli scientifici internazionali sottoscritti anche dall'Italia che si occupano approfonditamente di questo ed indicano in maniera chiara che di questi aspetti si occupa unicamente il medico e non la coppia. Insomma, giusto e sacrosanto che l'eterologa non diventi un 'supermercato', ma questo rischio non sussiste. Bisogna avere fiducia nella professionalit dei medici e rispetto delle persone. Cosa ne pensa del documento approvato pochi giorni fa all'unanimit dalle Regioni? Il documento approvato dalle Regioni importantissimo e le ringrazio. Approvandolo all'unanimit hanno dato dimostrazione di un grande senso di responsabilit evitando che in Italia potessero nascere 21 modi diversi di intendere ed applicare la fecondazione eterologa. Anche per valorizzare questo atto molto significativo occorre un quadro di riferimento nazionale con le linee guida. In conclusione, possiamo dire che la discussione parlamentare ben accetta ma necessario da parte del ministro Lorenzin un intervento immediato per mettere in sicurezza le coppie? S. Il Parlamento si occuper di eterologa normando, con grande responsabilit, tutti quegli aspetti bioetici che non possono essere affrontati da un semplice regolamento. Ma per questo saranno necessari tempi lunghi. Nella migliore delle ipotesi serviranno almeno 8-10 mesi. Al ministro Lorenzin chiedo la stessa assunzione di responsabilit. Serve nell'immediato un atto di coraggio per dare risposta, sia alla sentenza della Consulta, che al documento delle Regioni. Dobbiamo sempre tenere a mente che non stiamo parlando di un capriccio ma di una patologia: la sterilit. Bisogna dare una risposta a queste coppie, e garantire non solo la loro sicurezza ma anche quel loro diritto alla genitorialit sottolineato dalla stessa sentenza della Consulta.

Giovanni Rodriquez

Scarica il PDF

torna agli articoli
© 2014 Emilia de Biasi. Tutti i diritti riservati. Sito web curato e realizzato da Mediatyche