profilepicture

  Emilia De Biasi 

  Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato 

Info
  • Presidente Commissione Igiene e Sanità del Senato
  • Milano, Italia
  • e-mail : info@emiliadebiasi.it
Seguimi sui Social
Lettera43

Per parlare di politica in generale, di sanità, di cultura e della condizione femminile. Un racconto a modo mio di cosa succede in Senato e dei miei incontri con gli elettori e i cittadini in tutta Italia.

DL fisco - il mio intervento in Senato

Di seguito potete leggere il mio intervento in Senato durante la discussione del disegno di legge sul fisco.

 

Signor Presidente,

voglio anzitutto ringraziare la 5a Commissione e il Governo per il loro grande lavoro su un decreto, a mio avviso, di straordinaria importanza; per la prima volta infatti cominciamo a mettere a sistema la partita fiscale con l'insieme dei provvedimenti e della struttura degli interventi nel nostro Paese, devo dire con soddisfazione, anche nel campo del welfare. Ci non era scontato.

Come hanno gi detto i miei colleghi e il relatore Lai, il nostro Paese si sta riprendendo, il PIL sta crescendo; vi , in generale, una ripresa e io concordo con il presidente Gentiloni Silveri circa il fatto che non dobbiamo assolutamente sciuparla, ma capitalizzarla in interventi non necessariamente di carattere monetario diretto, ma anche attraverso la leva fiscale.

Sono stati affermati molto bene nella relazione di questa mattina i punti principali di intervento. Voglio soffermarmi in particolare sulle questioni che riguardano la sanit, materia di cui mi occupo. Il fatto di avere un contesto favorevole anche per quel che riguarda il deficit pubblico sotto controllo ci consente e ci ha consentito di aprire ad alcune questioni che sono state da noi evocate e su cui abbiamo lavorato per l'intero quinquennio. Accanto a questo va detto anche che forse, a questo punto, un po' di tenacia stata premiata.

Voglio iniziare esprimendo soddisfazione per l'emendamento che riconosce la detraibilit degli alimenti a fini speciali; un punto di grande importanza e innovazione per diversi motivi. Anzitutto per un motivo di merito. Gli alimenti a fini medici speciali servono per patologie molto gravi e di carattere neurodegenerativo in particolare; penso alla sclerosi laterale amiotrofica, al morbo di Parkinson e a quello di Alzheimer. Si tratta di una gamma di patologie e di malattie rispetto alle quali sempre molto difficile intervenire, se non in termini strettamente assistenziali. In questo caso noi riconosciamo una dignit terapeutica a questi alimenti e, contemporaneamente, la dignit e il diritto di queste persone ad avere un'alimentazione corretta. Voi sapete che la disfagia terribile; questa disfunzione non consente di ingoiare. Provate una volta a non riuscire a ingoiare; una cosa terribile e lo in particolare nelle fasi terminali dell'esistenza. Tutta questa parte ricompresa nella defiscalizzazione.

Concordo con il Governo che ci avviene in via sperimentale perch c' un problema di comprendere anche la platea e gli effetti. Non ci sono assolutamente problemi, ma voglio dire che oltre al segnale strettamente economico e fiscale, vedo un segnale etico di straordinaria importanza e di riconoscimento dell'alimento come un farmaco; un farmaco che non sia semplicemente un prodotto commerciale, ma abbia una finalizzazione etica. Ci in questa fase complicata del Servizio sanitario nazionale davvero molto importante. Se leghiamo tale aspetto ai livelli essenziali di assistenza, abbiamo una combinazione virtuosa, che consente interventi che, mi auguro, possano essere realizzati su tutto il territorio nazionale in modo omogeneo, accanto ad interventi individuali e quindi alla possibilit della singola persona, del singolo malato e del singolo paziente di poter agire sulla leva fiscale per affermare un suo diritto.

Questo poco? tanto? Io trovo che sia straordinario e credo che ne dobbiamo andare tutti davvero molto fieri. Se leghiamo questo all'altro importante lavoro sulle neuroscienze (non solo l'adroterapia, ma - in generale - le neuroscienze), sempre presente in un altro emendamento, noi ci poniamo un po' all'avanguardia, perch i temi delle malattie neurodegenerative sono sempre quelli che fanno pi paura e su cui si fa fatica a intervenire. In questo caso, abbiamo aperto con il Governo una pista molto importante e spero che potremo andare avanti in questa direzione anche per quanto riguarda un incremento ulteriore della ricerca (avremo poi il disegno di legge di bilancio che potr completare questo percorso).

Il secondo elemento di soddisfazione relativo a un dibattito che abbiamo svolto in quest'Assemblea sulla legalizzazione della cannabis, relativo cio alla possibilit dell'uso terapeutico in quantit sufficiente della cannabis. La legalizzazione della cannabis terapeutica era gi prevista in un precedente disegno di legge. Sappiamo che ci sono dei problemi rilevanti, di cui abbiamo discusso in quest'Assemblea.

Il primo problema rilevante che si tratta di un farmaco e, quindi, come tale deve essere sottoposto a tutti i percorsi di sicurezza che il farmaco richiede. per questo che il lavoro fatto dall'altro ramo del Parlamento ha consentito di mettere a sistema un intervento che trova in questa delega fiscale un'accoglienza molto importante per due ordini di motivi.

In primo luogo, i malati di questo Paese hanno il diritto all'uso terapeutico della cannabis, perch mai vorremmo pensare che devono andare a procacciarsela da qualche parte in modo illegale. Quindi, giusto e sacrosanto che, nella massima sicurezza, si possa procedere in questa direzione.

In secondo luogo, importante che come Parlamento abbiamo integrato l'emendamento del Governo, aggiungendo un'altra possibilit all'affidamento allo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze della coltivazione della cannabis a uso terapeutico. Abbiamo molto sostenuto tale istituto quando stava per chiudere e abbiamo ricevuto i suoi rappresentanti in audizione. Il vice ministro Morando ricorder che tre anni fa, quando stava per essere chiuso, eravamo l e lo abbiamo sostenuto. Gli abbiamo dato anche questa competenza, che obiettivamente molto importante. Tuttavia, l'istituto non riesce a produrre per soddisfare l'intero fabbisogno e, allora, piuttosto che andare a prendere all'estero costosissime infiorescenze, credo che - l'emendamento stato approvato e fa ora parte del testo del provvedimento - sia possibile individuare - e in questo Paese vi sono - altri soggetti produttori di cannabis per uso terapeutico, sotto il controllo di AIFA e secondo i criteri GMP, accreditati a livello internazionale.

Dico questo perch molto spesso buttiamo via i nostri soldi. Vice ministro Morando, non si illuda sia cos per sempre, ma su questo faccio una piccola autocritica - anzi, una critica - al Servizio sanitario, in quanto, per la paura di avere poi dei punti di illegalit, acquistiamo a prezzi molto alti l'infiorescenza della cannabis che potremmo produrre tranquillamente essendo il nostro, come noto, un Paese che ha nulla da invidiare all'Olanda, n tanto meno al Canada per quanto riguarda il sole. Quindi, il punto non se si coltiva o no, ma se ci sono le garanzie della sicurezza che questa sia una filiera effettiva e ufficiale del farmaco. Credo che stiamo andando in questa direzione e che sia molto importante.

Vorrei poi segnalare tre elementi che considero importanti ai fini del dibattito.

Il primo quello che riguarda l'equo compenso: gi lo aveva detto la senatrice Silvestro e a me sembra un riconoscimento importante per le professioni. Colgo l'occasione anche per augurarmi che molto presto possa andare in votazione la delega al Governo, in terza lettura al Senato, che riconosce le professioni sanitarie, di cui abbiamo bisogno per impedire l'abusivismo sanitario e per riconoscere la dignit professionale a queste persone, anche nel campo della sanit. L'equo compenso anche questo: evitare che professionalit di alto livello o comunque accertate vengano poi trattate in modo dispari nel passaggio tra pubblico a privato e nelle diverse situazioni di questo Paese. L'equo compenso rimane uno dei punti di riferimento.

Il secondo elemento che vorrei citare l'emendamento che abbiamo presentato sulla Croce Rossa. Si tratta di un dibattito importante e voglio semplicemente segnalare che la posizione non pregiudizialmente contraria a nulla, ma abbiamo voluto segnalare dei problemi, che obiettivamente esistono, in una fase di transizione del modello della Croce Rossa. Mantengo le mie opinioni e mi auguro ci possa essere una vigilanza davvero molto attenta per quel che riguarda gli assetti patrimoniali, il futuro del personale e il tipo di intervento che un organismo cos importante svolge nel mondo. Il Governo ha avuto un'altra posizione e ne prendo atto molto tranquillamente.

L'ultima questione, che riguarda la Commissione Igiene e sanit e comunque l'ambito sanitario, apparentemente non legata direttamente alla sanit, ma in realt molto vicina: mi riferisco al tema delle attivit funerarie. Abbiamo da molto tempo in Commissione un disegno di legge di riordino delle attivit funerarie nel nostro Paese. C' un problema molto grande di correttezza e di trasparenza su attivit fondamentali, che sono ormai imprenditoriali, anche di un certo livello, che richiedono trasparenza e chiarezza di regole e anche che i cittadini possano non sentirsi oberati in un momento cos tragico, come la scomparsa di una persona cara. Abbiamo provato a presentare un emendamento, ma non c' stata la possibilit di intervenire nel provvedimento al nostro esame, per la rifiscalizzazione di una parte delle spese funerarie. quello che volgarmente viene chiamato il caro estinto, anche se purtroppo, in questo Paese, a furia di non occuparsi dei problemi concreti delle persone, c' poco da fare ironia. Quindi mi auguro che nella legge di bilancio si possa individuare almeno uno spazio, che ci consenta di arrivare ad una riforma dell'intero sistema, di cui c' molto bisogno dal punto di vista sanitario e imprenditoriale e dal punto di vista della correttezza dei rapporti con i cittadini.

Voglio terminare il mio intervento con un augurio al Governo, che sostengo e quindi anche ci che mi piace un po' meno lo accetto lo stesso, perch ritengo sia molto importante che il Governo possa andare avanti e terminare un lavoro davvero straordinario. L'augurio che si riesca sempre, come stato fatto dal relatore, dal Presidente della Commissione e credo dalla Commissione tutta in occasione di questo difficile lavoro, a dare un'interpretazione umana anche della parte fiscale. I soldi sono molto importanti, i bilanci sono importantissimi, ma si deve sapere che quando si lavora per il bene comune, i bilanci sono al servizio del miglioriamo delle condizioni di vita delle persone e, dunque, di un'attenzione e di un'idea di convivenza civile, di cui c' quanto mai bisogno in questo periodo.

 

torna agli articoli
© 2014 Emilia de Biasi. Tutti i diritti riservati. Sito web curato e realizzato da Mediatyche