profilepicture

  Emilia De Biasi 

  Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato 

Info
  • Presidente Commissione Igiene e Sanità del Senato
  • Milano, Italia
  • e-mail : info@emiliadebiasi.it
Seguimi sui Social
Lettera43

Per parlare di politica in generale, di sanità, di cultura e della condizione femminile. Un racconto a modo mio di cosa succede in Senato e dei miei incontri con gli elettori e i cittadini in tutta Italia.

Anche nel decreto milleproroghe ci pu essere umanit e voglia di cambiamento

Vi invito a leggere di seguito il discorso che ho tenuto in Senato in merito al Decreto Milleproroghe.
Lo faccio perch voglio mostrarvi come anche in un momento cos incerto e anche in un provvedimento apparentemente un po' freddo come il milleproroghe ci possa essere l'umanit, il cambiamento e la voglia del Paese di ripartire.

Signor Presidente,

diceva il senatore Collina nella sua relazione che il milleproroghe un'occasione per fare il punto sulle politiche pubbliche ed assolutamente vero. Permettetemi di cogliere l'occasione per ringraziare il senatore Collina, il sottosegretario Pizzetti e la Commissione tutta per un lavoro molto complicato, che riguarda anche alcune materie molto vicine alla sanit e che la Commissione sanit ha, pressoch all'unanimit, sottoscritto in un emendamento, come dir, sull'Istituto superiore di sanit per quel che riguarda la proroga della sperimentazione animale.

Il rammarico che sul tema dell'innovazione in generale vi sia sempre una difficolt reale da parte di tutto il Parlamento e credo anche del Governo. Riuscire a puntare sull'innovazione indubbiamente comporta delle scelte che non sempre possono portare all'unanimit, ma del resto, se vogliamo cambiare questo Paese e modernizzarlo, non abbiamo altra scelta se non andare avanti nelle nostre convinzioni per il bene dei cittadini italiani. Veniamo - lo sappiamo tutti molto bene - da politiche pubbliche che sono state protezionistiche, da politiche pubbliche che hanno sprecato, da un debito molto alto ed io credo che i finanziamenti vadano indirizzati proprio su quella parte che pu dare il di pi, che pu dare quella spinta al Paese di cui il Paese ha bisogno.

Vengo al primo punto.

In occasione delle interrogazioni parlamentari si replica dichiarandosi molto soddisfatti, parzialmente soddisfatti o del tutto insoddisfatti. Ebbene, pi che parzialmente soddisfatti possiamo dirci in relazione all'emendamento che ha riguardato la proroga della moratoria sulla sperimentazione con uso di animali, di cui tanto si parlato anche in quest'Aula.

Al riguardo, signor Presidente, pu darsi che io abbia capito male - e in tal caso mi scuso anticipatamente - ma ho sentito, nell'intervento della senatrice Fucksia, la definizione deviazioni mentali. Magari mi sbaglio, ma glielo segnalo perch un po' di attenzione anche al linguaggio non guasterebbe.

(PRESIDENTE. Verificheremo, pu darsi che ci sia sfuggito)

 La ringrazio, signor Presidente, perch stiamo parlando di una questione molto importante, che ha a che fare con il futuro dell'Italia e di tante persone. Non si tratta solo delle persone che fanno ricerca - e guardate che sono persone non incasellabili semplicemente negli interessi costituiti, come qualcuno vorrebbe. Telethon, ad esempio, che visto da milioni di spettatori e a cui contribuiscono milioni di persone, non si pu certamente dire un'organizzazione profit: un'organizzazione che cerca di finanziare, per quel che possibile, la ricerca su malattie tremende, che bisognerebbe provare ad avere e sapere se in casa c' qualcuno che le ha avute prima di dire cose che non stanno n in cielo, n in terra. Non intendo polemizzare. Ognuno ha le sue opinioni, ma deve essere molto chiaro che c' una coerenza nella battaglia. Non vogliamo l'utilizzo nella ricerca di animali, peraltro circoscritti ad alcune specie, in particolare i piccoli topi? Bene, ma allora non vogliamo neanche la derattizzazione. Cerchiamo di essere fino in fondo, una volta tanto, coerenti.

Non pensabile che si ricorra ad artifici come quello di fare il paragone con i cani che hanno salvato le persone. Non stiamo parlando di questo. Non possibile che si faccia sperimentazione su alcun cane. evidente che si in malafede, mentre dobbiamo parlare del merito della questione.

Quanto agli xenotrapianti, sapete che l'Italia ha una prassi pi restrittiva rispetto a quella degli altri Paese. Gli xenotrapianti non sono un problema? Sono un tipo di trapianto che ha consentito a persone, pi o meno famose, di sopravvivere perch, ad esempio, si impiantata una valvola cardiaca. Certo, potr non interessare, perch forse si preferisce sperimentare sull'uomo. Forse questo il problema? Dobbiamo tornare a pratiche che vorremmo davvero dimenticare, come la sperimentazione sull'uomo? Non credo.

L'Istituto zooprofilattico sperimentale, che piaccia o non piaccia, accreditato presso il Ministero della salute e scrive molto chiaramente nella sua relazione che, per quel che riguarda le sostanze psicoattive, l'unica alternativa attualmente disponibile la sperimentazione del volontario sano oppure di soggetti utilizzatori di sostanze. La relazione termina dicendo che pertanto, alla data odierna, la completa sostituzione del modello animale non realizzabile in quanto non esistono metodi alternativi in grado di valutare gli effetti comportamentali neurobiologici e psicologici indotti dall'assunzione e somministrazione di una sostanza. Questa gente che studia. Ripeto: questa gente che studia e non fa le riunioni con le associazioni animaliste.

In secondo luogo, l'Istituto zooprofilattico sperimentale ha dato il suo parere anche in tema di xenotrapianti, dicendo che al momento non esistono metodi alternativi a tale tipo di sperimentazione. Arrendetevi! Arrendetevi e insieme lavoriamo per cercare metodi alternativi che per, allo stato attuale, non ci sono. I ricercatori sarebbero i primi a essere contenti di metodi alternativi che, purtroppo, oggi non esistono.

C' poi una novit, caro Presidente.

Poche ora fa la Commissione europea ha mandato una lettera all'Italia, ricordando l'obbligo di adempiere entro due mesi all'adeguamento alla direttiva europea sulla sperimentazione animale. Arrendetevi, non c' altra strada. Lavoriamo insieme. Non raccontiamo bugie alle persone, non muoviamo la pancia, teniamo la testa!

Aiutiamo i giovani ricercatori a progredire in questo Paese! Ampliamo le sedi e facciamo in modo che la ricerca venga finanziata e finanziata meglio, in modo anche pi trasparente. Facciamo insieme questa battaglia.

La proroga di tre anni non abbastanza? Io, insieme a chi ha sottoscritto il mio emendamento (maggioranza e opposizione), avrei preferito di gran lunga una proroga di cinque anni perch, come sapete, un bando e una ricerca hanno questa durata. Chi dice che si pu fare in poco tempo non sa di cosa sta parlando. Chi dice che solo l'industria farmaceutica a fare ricerca, dice una bugia clamorosa, perch in questo Paese la ricerca di base grande. Certo, ci dovr essere anche una ricerca applicata, ma perch dobbiamo mandare a monte il lavoro prezioso delle nostre universit? Perch mai? In nome di alcune idee che non hanno fondamento nella realt?

C' una sfiducia profonda nell'uomo e nelle sue possibilit etiche di migliorare, con la scienza e la ricerca, la vita dei suoi simili e io questo non lo condivido. Per questo motivo, sono felice che l'Europa ci intimi di adeguarci e, allo stesso modo, sono contenta che ci sia una proroga triennale, nella speranza che, in futuro, ci siano meno timidezze su questo punto anche da parte del Governo. Per carit, come si dice dalle nostre parti, piuttosto che niente meglio piuttosto, anche se non di totale soddisfazione, per, dicendo di s e votando questa fiducia, penso anche ai giovani ricercatori di Pro-Test, che sono andati in piazza; si tratta di ragazzi giovanissimi che vogliono davanti a s un futuro, che noi non possiamo negare loro per fondamentalismi ideologici che non hanno fondamento nella realt.

Il secondo punto, sul quale vado a concludere, un punto di straordinaria soddisfazione. Lo voglio dire, perch la risposta positiva ad un emendamento sottoscritto dall'intera Commissione sanit. Si tratta di un emendamento molto importante: erano tre anni che provavamo a farlo approvare, in tutte le sedi possibili e immaginabili, ma c'era sempre stato detto di no, questa volta apprezzo e ringrazio nuovamente la Commissione e il Governo per aver espresso un parere positivo. Mi riferisco alla stabilizzazione dei precari dell'Istituto superiore di sanit. Abbiamo 2.500 persone che lavorano all'Istituto superiore di sanit, che allo stato attuale il punto di riferimento di certezza scientifica che noi abbiamo e che fa capo al Ministero della salute. Di questi 2.500, 530 erano e sono precari, alcuni anche da quindici anni. Tutti noi abbiamo avuto la possibilit di apprezzare il lavoro dell'Istituto superiore di sanit: quando abbiamo un problema, chiamiamo l'Istituto superiore di sanit. Qui abbiamo espresso dei pareri grazie all'aiuto dell'Istituto superiore di sanit, quando c' stato il caso Stamina, ad esempio, su cui non ho sentito nessuna voce dal mondo animalista di aiuto e di sostegno a questa battaglia di civilt che abbiamo condotto in quest'Aula, vincendola.

Bene, ora, con questo emendamento, ci sar la possibilit di fare concorsi, con l'assunzione di 230 persone; gli altri saranno stabilizzati a scaglioni, con i fondi dell'Istituto superiore di sanit (mi sembra anche questa una buona pratica). Ora voi direte: perch l'Istituto superiore, sempre la sanit e non altro? Per il semplice motivo che la legge sulla responsabilit professionale e la sicurezza delle cure, che noi abbiamo votato di recente in Aula, prevede che le linee guida delle societ scientifiche vengano accreditate dall'Istituto superiore di sanit, secondo il modello inglese NICE. Ora, noi siamo pi poveri e non sto a spiegare quella struttura, comunque, il loro Istituto superiore di sanit. Di fronte a un compito cos importante, chiaro che noi dobbiamo avere un Istituto stabile nelle sue assunzioni, perch non possiamo affidare una responsabilit cos grande a un precariato che va e che viene. In secondo luogo, ci sono i registri; anche ieri abbiamo parlato del registro dei tumori. Insomma, tutti questi registri, quello delle malattie materne, quello dei tumori e quant'altro, faranno capo all'Istituto superiore di sanit. L'Istituto superiore quello che ha lavorato sul caso ILVA, ad esempio. Esso ha quindi un'importanza tale che richiede ovviamente una stabilizzazione. Dico questo, e concludo, perch c' un punto molto importante: la ricerca non solo una questione di affari, ma carne e sangue delle persone che l dentro lavorano, che hanno tenuto duro in questi anni, che hanno occupato l'Istituto - e guardate che un Istituto occupato non lo si era mai visto - e perch? Perch vogliono bene al loro lavoro, vogliono bene al loro Istituto, un Istituto che non era messo tanto bene dal punto di vista dei conti e che stato risanato. Quindi si sono messi in una condizione importante e favorevole per il cambiamento. Questa gente che ha famiglia, ma ha preferito magari tirare la cinghia e anche tanto, su un lavoro nobile e intellettuale: nobile come tutti i lavori, ma di carattere intellettuale avanzato. In altri Paesi, avrebbero fatto loro ponti d'oro, mentre qui sono stati con stipendi risicati e per un certo periodo neanche troppo certi. carne e sangue, perch si preferisce la vocazione alla ricerca piuttosto che i soldi. un monito importantissimo questo, sono persone di altissimo livello. Una di queste persone, un ricercatore dell'Istituto superiore di sanit in un'intervista ha detto una frase che mi ha colpito tantissimo: Il bicchiere mezzo pieno, ci eravamo abituati a vederlo mezzo vuoto.

Bene, riflettiamo! Vuol dire che anche in un provvedimento apparentemente un po' freddo come il milleproroghe - mi perdoni il relatore - ci pu essere dentro l'umanit, il cambiamento e la voglia del Paese di ripartire. Lo dico a proposito delle norme sulla sperimentazione animale e lo dico sui ricercatori dell'Istituto superiore di sanit: in Italia si riparte con la ricerca e con la valorizzazione delle capacit dei nostri ricercatori. Il presidente Obama, a suo tempo, ha fatto uscire gli Stati Uniti dalla crisi attraverso la ricerca e la stessa cosa ha fatto la cancelliera Merkel. Mi chiedo perch dobbiamo rimanere dietro questi Paesi, quando potremmo essere i primi! Quando ci mettiamo, siamo i primi del mondo nella ricerca e quando i nostri ricercatori vanno fuori dal nostro Paese, per loro si fanno ponti d'oro. Piuttosto che avere ponti d'oro all'estero, preferisco che i nostri ricercatori stiano con noi, in una pianura qualche volta un po' paludosa, ma che davvero pu portare alla prateria dell'innovazione e del benessere per tutti.

 

 

torna agli articoli
© 2014 Emilia de Biasi. Tutti i diritti riservati. Sito web curato e realizzato da Mediatyche